DIRETTIVO dell’ISTITUTO UOMO E AMBIENTE


Architetto Maurizio Spada
Direttore

Dottoressa Gabriella Ledda
vicedirettore

Architetto Renzo Salmoiraghi
consigliere

Architetto Fabrizio Patriarca
consigliere

Storia dell’Istituto Uomo e Ambiente

L’Istituto Uomo e Ambiente è stato fondato come libera associazione nel 1984 dall’architetto Spada e da altri otto professionisti.

Lo Statuto recita che compito dell’Istituto è quello di diffondere una cultura ecologica nel campo dell’architettura e dell’urbanistica.

Ha costituito la prima realtà italiana che si è occupata del costruire sano e del legame salute e abitazione.

Nasce così dalle sue iniziative il movimento “architettura ecologica”, definita anche bioarchitettura o bioedilizia o architettura biocompatibile o ecocompatibile.

Nel 1988 viene organizzato il primo convegno nazionale di “Ecologia nell’architettura” con personalità note a livello internazionale e con la presenza di tutte le realtà che allora cominciavano a occuparsi del problema.

Nel 1989 viene realizzato il convegno “Ecologia delle aree urbane: la riqualificazione delle zone in disuso”, finanziato dall’assessorato all’Ecologia del Comune di Milano con la partecipazione del ministro delle Aree Urbane, assessori comunali ed esperti come R. Guiducci e P. L. Eletti.

Dal 1990 al 1994 si sono organizzati otto corsi di Ecologia dell’Architettura (La casa biologica) tenuti presso il Palazzo ex Stelline di Milano.

Nel 1990 è stato realizzato il convegno “La Casa Psicosomatica” con la partecipazione di Bruno Munari.

Nel 1991 è stato realizzato con il finanziamento della Regione Lombardia un convegno nazionale e un ciclo di seminari su : “Ecologia delle Aree Urbane: dalla cultura del rifiuto alla cultura del riciclo”.

L’Istituto ha collaborato con il Centro Interuniversitario Ticinese di Lugano per la realizzazione di un dottorato in Ecologia urbana. Nel 1992 ha istituito il Diploma di esperto in Ecologia dell’Architettura, corso biennale postlaurea per ingegneri e architetti.

Nel 1996 l’Istituto Uomo e Ambiente si è trasferito alla Società Umanitaria di Milano siglando un accordo programmatico di attività seminariali l’anno e diventando Scuola di Ecologia dell’Architettura .

Nel 1998 si è realizzato con il contributo della Provincia di Milano una mostra didattica itinerante.

Dal 2000 ha realizzato circa due convegni l’anno su argomenti che vanno dai materiali al risparmio energetico, dall’architettura alla città e al paesaggio con la presenza di nomi quali Leonardo Benevolo, Andreas Kipar, Stefano Zecchi, Piero Bassetti, Guglielmo Mozzoni, Giorgio Galli ecc.

Dal 2005 al 2009 ha organizzato con la Società Umantaria quattro corsi di 48 ore per esperti delle commissioni paesaggistiche di Sensibilizzazione ambientale ed estetica. Di cui uno in collaborazione con il FAI. In occasione di Expo ha realizzato nel 2015 il convegno Cibo e Paesaggio con rappresentanti dell’agricoltura biodinamica e con il sostegno di NaturaSi.

L’Istituto Uomo e Ambiente oggi è riconosciuto anche a livello internazionale come Scuola di pensiero ecologico applicato all’architettura e all’urbanistica. E’ sostenuto da diverse ditte produttrici, da imprese e coperative, ha il patrocinio del Comune di Milano Ufficio Città Sane (OMS) ed ha un largo seguito in tutta Italia, molti che si definiscono bio sono passati dai corsi o dai seminari dell’Istituto (ne ha formati direttamente o indirettamente circa un migliaio che provenivano anche da Bari, Napoli, Catania e Palermo, dalla svizzera italiana e persino dall’Austria).

Ha contatti internazionali con Francia, Svizzera, Germania, Spagna, USA, Cuba.

Delle sue iniziative parla spesso la grande stampa sia generica che specialistica.

Ha pubblicato negli anni una rivista (In Ambiente), diversi testi per varie case editrici tra cui Guerrini e Fabbri, Alinea e Casagrande.

Ha collaborato e collabora con diverse riviste.